animazione turistica

animazione turistica
animazione turistica
 

SposiVip

CLICCA SU JEK E VAI AL SITO

SposiVip

Chi è online

Ci sono attualmente 0 utenti e 83 visitatori collegati.

Chiamaci con Skype

Bari Bari +390805233374

Milano Milano +39022400788

Catania Catania +39095320485

L'offerta del mese

SposiVip

Prenota il tuo viaggio con www.barincoming.it!

Diventa Animatore

Segui la nostra pratica guida per diventare animatore.

Latest image

Sorrisi ed Emozioni

Login utente

Language

Navigazione

Come diventare animatore

Fare l’animatore presso un villaggio turistico o un albergo, d’estate o d’inverno, in Italia o all’esterno (anche in stupendi posti esotici!) è un’esperienza divertente quanto faticosa.

La domanda è ricca: in questo mondo c’è un grande turn-over, le agenzie cercano sempre nuove figure da inserire, sia generiche che specializzate: dal capo-animatore (si diventa capo-animatori dopo qualche anno di esperienza) si va agli istruttori di balli di gruppo, ai responsabili e assistenti di mini-club per i bambini, agli istruttori di sport vari tipo ginnastica in acqua, aerobica, vela, immersione… (dipende dalle attività in cui è specializzato il villaggio).

Le strutture d’accoglienza garantiscono il vitto e l’alloggio (spesso anche il rimborso del viaggio) e uno stipendio che non sempre è altissimo, dipende dall’esperienza che si ha del lavoro e dalla figura che si ricopre. Potete anche iniziare da giovanissimi e diventare capo-animatori a vent’anni.

Le stagioni durano due-tre mesi, a volte ci si può impegnare per meno tempo (10 giorni, due settimane) o la permanenza può anche durare di più. Informatevi bene, prima di partire, su cosa è rimborsato e cosa no, quante sono le ore da fare e non abbiate paura di esporre qualsiasi dubbio in merito al lavoro, in sede di colloquio! Tenete presente che si è praticamente sempre al lavoro: in un villaggio turistico, se si è alla vista dei clienti, si devono rispettare delle regole tipo non fumare, non parlare con gli occhiali da sole e altre regole di buona educazione che il vostro capo-animatore saprà darvi o che l’agenzia stessa si occuperà di fornirvi prima di partire.

A discrezione del capo-animatore (purtroppo funziona così) il mancato rispetto di regole dette e non dette può comportare la cessione del lavoro… quindi: attenzione! Spesso si lavora anche più delle ore concordate: prove di spettacolini o tenere compagnia ai clienti in particolari occasioni fa allungare l’orario, dormire poco, svegliarsi presto e garantire anche con poche ore di sonno una presenza sveglia e sorridente.

Questo lavoro, quindi, può essere molto duro, ma anche molto divertente: come spesso succede in ambito lavorativo (e non solo) contano molto le persone con cui lavorate. Il capo-animatore può farvi passare un periodo d’inferno o al contrario potreste divertirvi molto. Tutto dipende dalla vostra personalità, ma per partire per una stagione sono necessari estroversione, simpatia, cortesia, tolleranza e tanto spirito d’iniziativa (e anche tanta pazienza!).

Se siete divertenti e gentili con gli ospiti della struttura dove lavorate, piccole incompetenze possono passare inosservate: l’importante è farli divertire! Ma è molto importante che vi informiate bene prima, per non avere sorprese! Quando vi sarete accertati di tutto, potrete partire e allora… buona fortuna!

Vi auguriamo un’esperienza indimenticabile!

animazione turistica

News

Come diventare Animatore

Privacy Policy

Sponsor

animazione turistica